Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Corinaldo, la solidarietà si fa anche a cena

Iniziativa per raccogliere fondi per la comunità di Foce di Montemonaco

Crolli a Tolentino dopo il terremoto del 30 ottobre 2016

La solidarietà per le popolazione terremotate arriva a tavola. Sabato 14 gennaio, con orario di inizio alle ore 20, si svolgerà infatti una cena di solidarietà il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza in favore di alcuni terremotati marchigiani.

Tempo fa – racconta Maurizio Cecchini, uno degli organizzatori – io e alcuni miei amici abbiamo preso parte ad una cena di beneficenza a Monsano, il cui ricavato era destinato in favore di alcuni terremotati marchigiani, alcuni dei quali erano presenti alla cena stessa. Sono dei giovani originari di Foce di Montemonaco (una delle località più colpite dallo scorso sisma) che, in occasione della cena di Monsano, hanno cucinato i loro prodotti tipici. Di conseguenza ci è sorta spontanea una domanda: perché non organizzarne una simile anche a Corinaldo?“. Così, una volta rientrato a casa, Cecchini si è subito attivato. E, grazie alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale e di altri enti (Iat, Pro Loco, Circolo Arci, Acli, Motoclub “Matti di Corinaldo”), ha organizzato la cena di solidarietà.

La cena – spiega ancora Maurizio – si terrà nei locali della Pubblica Assistenza Avis. Per parteciparvi è necessaria la prenotazione“. Per informazioni e prenotazioni occorre chiamare lo stesso Maurizio Cecchini (334 9173494) o lo Iat (071 7978636) entro mercoledì 11 gennaio. Il costo: per gli adulti corrisponde a 25 euro, per i ridotti invece (vale a dire per i bambini fino a 10 anni di età), occorrono 10 euro.

I protagonisti della cena saranno infatti i terremotati di Foce di Montemonaco, i quali cucineranno per un massimo di 200 persone ed ovviamente l’intero ricavato sarà a loro devoluto. Il menu prevede le seguenti portate: antipasto di affettati misti e formaggi, con assaggio di lenticchie e castagne, bis di primi (tagliatelle al cinghiale rosso e pasta corta con salsiccia e funghi), arrosto misto di maiale, con assaggio di spezzatino di agnello, patate al forno e insalata, bevande e dolci. Ma non è tutto. “La serata – conclude Cecchini – comprende altre iniziative, oltre alla cena: una band che proporrà musica d’autore live e una mostra fotografica delle zone colpite dal sisma“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!