Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Indagine CNA fra le imprese manifatturiere nelle Valli Misa e Nevola

1.055 Letture
commenti

Marzio SorrentinoE’ probabilmente la caratteristica di avere un economia diffusa plurisettoriale, prevalentemente di imprese di piccole dimensioni, a ridurre gli effetti di una crisi che sembra lambire anche l’area delle Valli del Misa e del Nevola.

E’ quanto emerge da una indagine che la CNA della Zona di Senigallia ha condotto in questi giorni fra i propri associati. Sono stati intervistati alcuni fra i clienti più rappresentativi che operano nel manifatturiero, verificando le attese e le sensazioni degli imprenditori dopo la chiusura delle ferie estive rispetto ai prossimi mesi di attività.
“Quello che emerge è un quadro condizionato negativamente dal clima generale di sfiducia e di incertezza che si respira e che genera un forte pessimismo generalizzato – afferma Marzio Sorrentino, Segretario della CNA zona di Senigallia – il fatturato complessivamente tiene: ma alcune imprese, pur avendo addirittura realizzato performance positive, si dichiarano fortemente preoccupate. C’è una situazione di attesa. Si aspetta di vedere cosa accadrà nelle prossime settimane”
Tre sono i fattori che destano particolare apprensione: il rallentamento degli ordinativi, sempre più a breve che non consentono un’adeguata programmazione; l’aumento degli insoluti e l’allungamento nelle scadenze dei pagamenti (ad indicare la minore liquidità in circolazione e il maggiore indebitamento), che determinano un ampliamento delle esposizioni a breve con il sistema bancario; l’aumento dei costi delle materie prime e l’impossibilità di aumentare i prezzi alla vendita per restare competitivi, che riducono sensibilmente i margini di profitto.
“Chi lavora con i grandi gruppi e chi esporta sembra reggere meglio la fase attuale – continua Sorrentino – chi è esposto sul mercato interno incontra maggiori difficoltà. Il mercato interno è fermo, questa è la verità. Per tutti c’è comunque la rincorsa all’abbattimento dei costi, spesso a scapito della qualità e rimandando gli investimenti”.
Le sorprese arrivano da chi meno te lo aspetti: sono spesso i clienti più importanti e ritenuti migliori a posticipare i pagamenti. E forte è la preoccupazione che qualcuno di questi cessi l’attività: a quel punto i crediti diventano perdite certe, creando forti tensioni finanziarie.
“Nel complesso, comunque, nella Valli del Misa e del Nevola il manifatturiero tiene le proprie posizioni, a differenza di quanto sta accadendo in altri territori – conclude Sorrentino – Occorre però, per affrontare le difficoltà dei prossimi mesi, che attorno all’artigianato e alla piccola impresa si crei un contesto favorevole, perché saranno queste a resistere alle incertezze generate da una crisi che si configura a livello globale. Occorre stimolare il talento imprenditoriale e sostenere la piccola impresa, riducendo il peso e i costi della burocrazia, avviare procedure che rendano più efficiente la Pubblica Amministrazione, alleggerire il carico fiscale sulla piccola impresa e sulle famiglie, agevolare l’accesso al credito, sostenere le imprese dinamiche che hanno potenziale di crescita e che investono in innovazione, promovendone l’internazionalizzazione, facilitare la partecipazione delle piccole imprese agli appalti pubblici”.

CNA SENIGALLIA

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!