Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Biondi Abbigliamento - Saldi invernali 2018 dal 30% al 70% - Castelleone di Suasa

Paese Verde: “A Castelleone di Suasa disattesi proclami trasparenza e partecipazione attiva”

L'analisi della lista civica delle risposte date dal sindaco in Consiglio Comunale alle interrogazioni della minoranza

La torre civica di Castelleone di Suasa

Lunedi 19 marzo 2018 si è riunito il Consiglio comunale di Castelleone di Suasa, all’ordine del giorno c’era una variazione al bilancio di previsione 2018/2020 che ha riguardato principalmente le scuole e in modo particolare l’edificio che ospita la scuola media.

Da diverso tempo il Comune aveva ottenuto dalla Stato un contributo di 490.000,00 euro (fondi dell’8 per mille), per la sistemazione della vecchia palestra comunale per adibirla a uffici e spazi pubblici (cosa che anche noi avevamo previsto nel nostro programma elettorale).

Il precedente ufficio tecnico (prima della riorganizzazione all’interno dell’Unione dei Comuni Misa-Nevola) aveva inoltrato la stessa richiesta alla Regione Marche, è stato riconosciuto un altro finanziamento proveniente dal Ministero di 520.000,00 euro, siccome però non è possibile per legge utilizzare due contributi per la stessa opera, ci è stato detto che il Comune chiederà agli organi competenti di mantenere il primo per la vecchia palestra comunale e destinare il secondo all’adeguamento sismico delle scuole, nel caso specifico alla scuola media.

Infatti andando indietro di qualche mese il nostro gruppo, a seguito delle comunicazioni del Sindaco rese note nella seduta del Consiglio comunale del 27 ottobre 2017 circa la comparsa di alcune lesioni all’interno della scuola media con conseguente transennamento dell’area davanti all’armadietto non più fissato alla parete a scopo precauzionale e la preoccupazione dei genitori degli alunni, aveva presentato un’interrogazione sullo stato di sicurezza degli edifici scolastici a seguito degli eventi sismici che hanno interessato la Regione Marche dal 24 agosto 2016 in poi. Successivamente alla nostra interrogazione il Comune ha incaricato un laboratorio di diagnostica e collaudi, per effettuare indagini e diagnostiche nella scuola media e ha incaricato un libero professionista per le analisi di vulnerabilità sismica.

Il Sindaco nella sua risposta alla nostra interrogazione e in successive comunicazioni pubbliche, ha manifestato una certa perplessità per il fatto che noi della minoranza abbiamo chiesto conto a lui di queste cose, (è la legge che lo prevede) visto che le indagini di vulnerabilità sismica erano obbligatorie dal 2003. Da alcuni contatti con alcuni Comuni ci risulta che quasi nessuno ha ottemperato a questi adempimenti. Comunque per chiarezza abbiamo fatto notare che, al di la di sterili e inutili polemiche, in quegli anni a Castelleone di Suasa venivano realizzati importanti investimenti sull’edilizia scolastica: nel 2003 veniva restituita alla cittadinanza la scuola elementare completamente ristrutturata e migliorata sismicamente con i fondi relativi alla ricostruzione post terremoto del 1997 che aveva interessato le Marche e l’Umbria. Nel 2004 invece veniva inaugurata la nuova scuola materna realizzata con i fondi regionale e con fondi comunali. Quindi all’epoca non solo non si è stati con le mani in mano, ma sono state realizzate opere importanti come le scuole che ancora oggi rappresentano un patrimonio importante di cui si può essere fieri. Pertanto se, come noi auspichiamo, il Ministero accoglierà la richiesta di destinare i 520.000,00 euro alla scuola media, il Comune avrà a disposizione buona parte delle risorse necessarie per intervenire su un edificio che è stato realizzato nel 1985.

Nelle sue comunicazioni il Sindaco ha riferito che il Comune ha provveduto ad assumere tramite un’agenzia interinale e per un periodo di sei mesi, un geometra da destinare all’ufficio tecnico in virtù della mancanza di personale determinata dal pensionamento di un geometra e dall’aspettativa richiesta da un architetto per quattro anni.  A norma di regolamento e statuto non si può aprire un dibattito sulle comunicazioni del Sindaco e quindi in Consiglio comunale non abbiamo potuto manifestare il nostro pensiero. Noi riteniamo che offrire nuove opportunità di lavoro sia un fatto positivo e quindi ci fa piacere che per un giovane si possa aprire la possibilità di accedere al mondo del lavoro. Noi avremmo preferito che il Comune avesse fatto un bando rivolto ai giovani in possesso dei necessari requisiti, iscritti al centro per l’impiego e a società di lavoro interinale, fare una selezione e una graduatoria finale. A quel punto la scelta del candidato/a.

Tutto questo ovviamente in virtù della tanto sbandierata trasparenza e principio di partecipazione attiva dei cittadini di cui tanto si parla, ma che puntualmente poi vengono disattesi e soprattutto per offrire a più giovani possibile, la stessa opportunità di lavoro e le possibili aspettative future.

da Gruppo Consiliare Lista civica Paese Verde

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!