Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Centro Commerciale Il Maestrale Senigallia - Marche Ancona

“Il TargaSystem è tornato a colpire a Ostra: ma le sue multe sono legittime?”

Il Comitato Sopravvivere a Ostra: "il fine non giustifica i mezzi, alcune sanzioni possono essere contestate"

1.500 Letture
commenti
Vignetta sulle multe a Ostra

Ci risiamo: il TargaSystem è tornato a colpire ancora ad Ostra. Nelle ultime settimane è stata vista più volte la Polizia Locale elevare multe con il diabolico strumento per le vie del centro storico, il più delle volte sanzionando gli automobilisti per divieto di sosta. Ma siamo proprio sicuri che queste multe siano davvero legittime?

Il “TargaSystem 3.0 Mobile”, acquistato tre anni fa dal Comune di Ostra per € 9.674,60 (determina n. 1077/2015), è un dispositivo destinato alle forze di Polizia, con lo scopo di offrire loro un valido supporto nella protezione delle strade e nell’individuazione delle irregolarità. Il suo funzionamento prevede l’uso di un software di riconoscimento targhe capace di individuare, in tempo reale, i veicoli non assicurati, con revisione scaduta, sottoposti a fermo o sequestro amministrativo, rubati o presenti all’interno delle black list della Polizia.

Dunque, fra le funzioni della versione “3.0 Mobile” NON vi è la possibilità di sanzionare gli autoveicoli posti in divieto di sosta. A tale scopo, esiste una versione più recente del sistema denominata “Targa System 4.0 Mobile + soste” che, come si intuisce già dal nome, oltre alle azioni di controllo svolte dal modello precedente, consente anche di rilevare le auto in sosta vietata, doppia fila e perfino quelle parcheggiate in stalli riservati.

Analoga funzione può essere svolta dal dispositivo chiamato “Street Control”, un impianto formato da videocamera a infrarossi e macchina fotografica montato sulle auto della Polizia Municipale.

Tuttavia, perfino l’impiego di questi ultimi sistemi non è sempre legittimo…

Lo scorso aprile, il Giudice di Pace del Tribunale di Milano ha dichiarato nella propria sentenza che “non basta dunque riprendere o fotografare un’auto in divieto di sosta, per poter inviare la multa a casa a distanza di tempo. Se la Polizia municipale usa lo “Street control” o altro sistema similare per accertare le infrazioni, gli agenti sono tenuti a cercare subito il trasgressore: in caso contrario la sanzione è nulla”.

Dello stesso avviso è anche il Ministero dei Trasporti che, con propri pareri n. 2291/2012 ed il n. 4851/2015, ribadisce che “I sistemi di videosorveglianza, anche se risultano idonei a dimostrare l’avvenuta violazione, non sono tuttavia idonei a dimostrare l’assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo, circostanza che può essere accertata solo dall’intervento diretto degli organi di polizia stradale”; ne discende che l’utilizzo degli stessi non servirebbe per giustificare la contestazione non immediata.

Secondo il Ministero, la pratica molto agevole e sbrigativa per la Polizia municipale dell’immortalare con una telecamera portatile le auto in sosta vietata, del successivo rintraccio dei dati dei trasgressori e dell’invio per posta delle multe (giustificando la contestazione differita con la mancanza del destinatario a bordo dell’auto), viola l’art. 201 del nuovo Codice della Strada (il d.lgs. 285/1992) che permette la “contestazione non immediata della violazione del divieto di sosta, nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo”.

I verbali, cioè, possono essere spediti a domicilio, solo se il conducente o l’intestatario della carta di circolazione non sono presenti o nei paraggi al momento della scoperta.

Alla luce di tutto ciò, ci teniamo a precisare che noi non contestiamo il fatto che gli Agenti di Polizia Locale sanzionino i comportamenti illeciti degli automobilisti, in quanto è giusto che le norme del Codice della Strada vengano rispettate al fine di evitare disagi e pericoli, garantendo così l’incolumità di tutti gli utenti della strada. Tuttavia, in questo caso, il fine non giustifica i mezzi: non tolleriamo, infatti, che si prendano in giro i cittadini adottando strumentazioni non idonee, o comunque non sufficienti, per certi controlli solamente per fare cassa: ricordiamo, infatti, che la contestazione differita prevede una maggiorazione dell’importo della stessa sanzione di ben 15 € per spese di notifica!

Consigliamo, quindi, ai cittadini di contestare sempre le multe elevate con il “TargaSystem 3.0 Mobile” per tutte quelle infrazioni che non rispondono alle finalità previste da tale strumento, evitando così che si compia un illecito su un altro illecito, per poi lucrarci illegittimamente sopra.

Errare è umano, perseverare è diabolico ma minchionare è da idioti.

Da

Comitato Sopravvivere a Ostra

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!