Errore durante il parse dei dati!
Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Il Tucano - Ristorante-Pizzeria Senigallia - Pesce fresco dell\'Adriatico

Nuova rotatoria a Ostra, “il sindaco Storoni colpisce ancora!”

"Le attività commerciali stanno ancora pagando i danni dell'inversione del senso di marcia"

Disegno rotatoria Ostra

Il Sindaco Storoni colpisce ancora! A due mesi dalle elezioni, ha voluto lasciare un’altra impronta del suo barbaro passaggio sulla ormai sconvolta viabilità cittadina, apportando una modifica di cui tutti quanti noi non sentivamo affatto il bisogno: la nuova rotatoria in Largo XXVI Luglio.


Questa volta niente incontro a Teatro con la cittadinanza (come era invece accaduto per l’inversione), nessun sfolgorante post sui social, niente “urna” per raccogliere gli eventuali suggerimenti in merito alla regolarizzazione di quell’area. Soltanto un breve trafiletto su un quotidiano, domenica scorsa, dove il Sindaco si limitava a dire che “La rotatoria favorirà la fluidità del transito e regolamenterà con impedimenti e canalizzazioni i passaggi delle strade che confluiscono in Largo XXVI Luglio”.

Intanto, da diverse settimane le chiacchiere in paese correvano rapidamente, alcuni “segnali”, quali degli strani disegni sull’asfalto e la misteriosa sparizione dei lecci di fronte al bar “Il Punto”, avevano lasciato presagire che qualcosa di losco si stesse tramando nelle segrete stanze del Palazzo Comunale…

E finalmente ieri, dopo oltre due mesi (!!) dalla sua emanazione, è stata pubblicata all’Albo Pretorio la determina n.1025 del 29.12.2018 con la quale viene reso noto l’importo per la realizzazione di questa provvisoria rotatoria: ben €. 26.500 !!! Un importo notevole per un intervento inutile quando, con una cifra decisamente inferiore, il Comune non è stato nemmeno capace di rifare le strisce pedonali che in numerosi tratti sono diventate pressoché invisibili (come avevamo documentato tempo fa).

Pur consapevoli che Largo Mercatale necessita di una regolamentazione (stante anche i passati incidenti che quell’incrocio ha causato), siamo del parere che ciò si poteva ottenere con un più economico rifacimento di una opportuna segnaletica orizzontale e verticale, mettendo in evidenza le possibili direzioni da seguire e, all’occorrenza, posizionando degli spartitraffico. Invece, si è preferito ricorrere alla soluzione più onerosa e che, come è facile intuire, comporterà notevoli disagi.

Primo fra tutti, la perdita di numerosi parcheggi che metterebbe in ulteriore difficoltà le attività commerciali che ivi insistono e che stanno ancora pagando i danni subiti dall’inversione. Inoltre, come mostrato dalla piantina, la larghezza di 3,50 mt. degli ingressi della rotatoria da V.le Matteotti, V. Massa e V. Moro non consente il transito ai grossi mezzi agricoli quali le mietitrebbie che, in molti casi, hanno una larghezza superiore ai 4mt: questi veicoli, di fatto, non potrebbero in alcun modo immettersi nella rotatoria!

Coloro che provengono dalla Riviera di Ponente, all’altezza del Monumento ai Caduti, saranno obbligati a svoltare a destra e fare prima lo stop, poi immettersi in v. Moro e infine fermarsi di nuovo a dare la precedenza prima di potersi finalmente immettere nell’incrocio e tutto questo in meno di 20mt. Sarà impossibile transitare nell’area posta fra i due lampioni che verrà in parte interdetta al traffico ed in parte adibita ad un pericoloso quanto scomodo parcheggio da soli quattro posti.

Nel caso in cui si dovessero accodare 3 o 4 auto in attesa di entrare in V. Massa, la circolazione all’interno della rotatoria si bloccherebbe e quelli che provengono da V.le Matteotti, svoltando l’angolo di Palazzo Carbini si ritroverebbero improvvisamente davanti ad una coda, col serio rischio di tamponamento.

L’unica utilità che poteva avere la rotatoria era quella di consentire a coloro che escono da v. Massa di poter finalmente svoltare in piena sicurezza verso v.le Matteotti, evitando loro di fare tutto il giro delle mura (e quindi di inquinare). Invece ciò non avverrà: chi esce dalla Massa sarà obbligato, come prima, a svoltare a destra.

A che serve, dunque, questa inutile quanto dispendiosa rotatoria? Considerata la sua collocazione all’ingresso del centro storico nonché la presenza dell’importante Monumento ai Caduti, l’Amministrazione si è minimamente preoccupata di contattare preventivamente la Soprintendenza prima di procedere con la realizzazione di questo scempio, che entrerà in cantiere subito dopo il passaggio della 6^ tappa della gara ciclistica “Tirreno-Adriatico” che avverrà il 18 marzo p.v.?

Stante la provvisorietà dell’intervento, che subirà una sperimentazione obbligatoria di 6 mesi, vogliamo sperare almeno che i new-jersey non vengano posizionati prima delle giornate “FAI di Primavera” previste per il 23 e 24 marzo e che vedranno fra i luoghi di interesse proprio il Monumento ai Caduti: non sarebbe un gran bel biglietto da visita per i turisti ritrovarsi con l’ingresso cittadino pieno di bussolotti di plastica bianchi e rossi e con tutta la confusione che ne deriverà dalla gente che dovrà ancora capire dove circolare.

Anzi, già che ci siamo, ci permettiamo di suggerire al Sindaco Storoni di attendere almeno fino al 26 maggio, quando le elezioni potrebbero decretare il ritorno della democrazia, ponendo finalmente la parola “fine” a questi cinque sofferti anni di decadentismo.

Da

Comitato Sopravvivere ad Ostra

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!