Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Sci Club Senigallia

Progetto Ostra: “credevamo di essere ormai abituati a tutto…invece…”

Ancora critiche a Storoni per la nuova rotatoria

1.243 Letture
commenti
Disegno rotatoria Ostra

Giunti quasi al termine di questi cinque ed estenuanti anni di Amministrazione Storoni, credevamo di essere ormai abituati a tutto, ma dobbiamo riconoscere che il Sindaco, ogni volta, riesce a trovare il modo di stupirci (ovviamente in negativo) e ci è riuscito anche stavolta, lasciandoci tutti di stucco con l’imminente realizzazione della rotatoria di Largo XXVI Luglio.


Riguardo al suo modus operandi, è proprio il caso di dire che “il lupo perde il pelo ma non il vizio”: come per l’Unione dei Comuni, l’inversione della viabilità e tante altre ancora, anche stavolta la decisione è stata presa in modo arbitrario ed unilaterale, senza un minimo di condivisione e di confronto con la collettività, in totale spregio a quello che è stato uno dei motti di questa Amministrazione durante la campagna elettorale 2014, “Siamo diversi perché siamo presenti e dialoghiamo con il territorio”.

Per mesi, infatti, non una sola parola è trapelata dal Palazzo Comunale circa la concreta volontà di voler realizzare questa rotatoria; le uniche indicazioni che nei giorni scorsi avevano fatto presagire che qualcosa stesse accadendo sono stati dei segni sull’asfalto e l’abbattimento di alcuni lecci. Ma la conferma ufficiale è arrivata soltanto martedì scorso con la (voluta?) tardiva pubblicazione all’Albo Pretorio online della determina n.1025 del 29/12/2018 che, di fatto, ha impedito ai cittadini di prendere cognizione della decisione presa.

Ovviamente, non contestiamo il fatto che l’area di Largo Mercatale dovrebbe essere meglio regolamentata, per la sicurezza dei pedoni ed impedire dubbie manovre dei veicoli; tuttavia siamo convinti che la medesima finalità poteva essere raggiunta con un intervento meno impattante e più economico, mediante il rifacimento di una più idonea segnaletica orizzontale e apponendo, laddove necessario, degli spartitraffico.

La soluzione adottata dall’Amministrazione, invece, oltre a pregiudicare il ripristino del vecchio senso di marcia nel centro storico, non risolverà alcuna criticità bensì acuirà quelle già esistenti, a partire dalla perdita di una ventina di parcheggi e degli spazi per il carico/scarico delle merci che metterà in ulteriore difficoltà i negozianti della zona (ancora provati dall’inversione della viabilità) inducendo probabilmente la clientela a fare acquisti in altre attività più facilmente raggiungibili.

Oltre a ciò, i disagi sono molteplici: la mancata sicurezza per i pedoni che dovranno fare una sorta di gincana per raggiungere il centro da V.le Matteotti; la difficoltà di accesso alla rotatoria per i mezzi pesanti ed in particolare per i mezzi agricoli come le mietitrebbie, che necessitano di una larghezza della carreggiata di almeno 4,30 mt, a fronte dello spazio previsto dalla planimetria di appena 3,50 mt; la scarsa visibilità verso destra, dovuta alla presenza del bastione delle mura, per i veicoli provenienti dalla Riviera di Ponente i quali, per potersi immettere nella rotatoria, dovranno necessariamente affrontare un pericoloso stop all’intersezione con V. Moro; l’impossibilità di affrontare la rotatoria per coloro che provengono da V. Massa imponendo agli stessi di percorrere tutta la circonvallazione per poter accedere al centro o proseguire verso il Viale; i limitati parcheggi posti al contrario di fronte al Monumento ai Caduti che, oltre ad essere antiestetici, sono decisamente poco pratici stante i ridotti spazi di manovra.

Inoltre, negli atti assunti dall’Amministrazione Comunale non si fa menzione alcuna dell’autorizzazione della Provincia di Ancona (proprietaria della strada), né del parere della Soprintendenza, tenuto conto che la contestata rotatoria verrà realizzata all’ingresso del centro storico, in prossimità di un palazzo settecentesco, di uno storico monumento nonché della pesa.

Ma la cosa forse più deplorevole dell’intera operazione sono i costi: ben €. 26.500 per un’opera definita “provvisoria”! Una follia! A tal proposito vorremmo solamente ricordare come la precedente Amministrazione, nel gennaio 2010, non spese neppure un solo centesimo per la realizzazione sperimentale della rotatoria a Casine, impiegando gli operai comunali per posizionare i news jersey in plastica chiesti in prestito alla Provincia di Ancona.

Per i motivi sopra menzionati, Progetto Ostra ha già provveduto ad inviare una formale diffida, sia all’Amministrazione Comunale che agli organi competenti. Inoltre, è stata avviata una raccolta di firme chiedendo al Sindaco Storoni di sospendere questa scriteriata ed onerosa realizzazione, invitandolo a confrontarsi con la cittadinanza ed il Comitato alla Viabilità per valutare possibili soluzioni alternative.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!