Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

“Il mondo salverà la bellezza?”: prova a dircelo Hearth

Sabato 13 luglio il festival ad Arcevia, con la presenza della cantante Maria Antonietta

Piticchio di Arcevia

“Il mondo salverà la bellezza?”. Sarà questo l’interrogativo, legato al turismo responsabile e alla salvaguardia del paesaggio, della seconda giornata del festival Hearth, che si svolge a Piticchio di Arcevia (Ancona) fino a domenica 14 luglio, organizzato dall’Associazione Amici di Piticchio e dalla cooperativa di agricoltura biologica La Terra e il Cielo, con il patrocinio del Comune di Arcevia.


A questa domanda cercheranno di rispondere, alle 19 nelle Stanze dell’armonia, Fabrizio Teodori, Viaggi e Miraggi Marche, Gabriella Lalìa, scrittrice, Andrea Bomprezzi, professore, e Roberto Morici, Visit Arcevia. Seguirà la proiezione del documentario “Berber Tajine, apri gli occhi senza freni”.

Il programma di Hearth di domani (sabato 13 luglio), il festival per riscoprire la luce e la bellezza dell’armonia fra ogni persona e l’ambiente, si aprirà alle 15 con la passeggiata “Le vie della terra”, con Viaggi e Miraggi Marche. Alle 17.30, nella Grotta dell’essenza, ci sarà il laboratorio di Enrico Bucci, sciamano e curandero, di trattamenti sciamanici individuali. Alle 18, invece, nella Stanza dell’armonia si svolgerà Spazio bimbi, laboratorio di colori. Alle 18.30, nella Cantina del gusto, si terrà il Laboratorio del gusto con Cantina Terracruda, in collaborazione con Slow Food Castelli di Jesi.

Alle 19.30, si apriranno la Cantina della terra, con degustazione di menù tradizionale, e la Cantina del cuore, con menù vegano. Alle 22.30, in piazza Hearth, ci sarà il reading musicale “Sette ragazze imperdonabili tour” della cantautrice pesarese Maria Antonietta. A seguire Dj set con Dj Bruno.

GLI SPETTACOLI DI HEARTH
Sabato 13 luglio – Maria Antonietta
Maria Antonietta, al secolo Letizia Cesarini, è una cantautrice nata a Pesaro nel 1987. Innamorata del regno animale e vegetale e appassionata di studi di genere, di arte medievale, di poesia e teologia cerca di far quadrare tutte le sue passioni, il che è come costruire una cattedrale, difficile. Dopo aver autoprodotto il suo primo disco nel luglio 2010 “Marie Antoinette wants to suck your young blood”, e dopo aver fondato il progetto “shoegaze Young Wrists” nella sua Pesaro, confeziona l’esordio, omonimo, in italiano registrato e prodotto da Dario Brunori nel 2012.
Nel frattempo scrive un racconto, Santa Caterina al Sinai, pubblicato da Minimum Fax per l’antologia “Cosa volete Sentire”. Seguono un lungo tour che dura quasi un anno e mezzo, un brano come “Animali”, con inclusa una cover di Gigliola Cinquetti, e poi il secondo album “Sassi”, prodotto insieme ai fratelli Imparato, che esce nel marzo 2014 per la Tempesta Dischi. A seguito del tour Maria Antonietta, accompagnata dai musicisti del gruppo Chewingum, decide di re-incidere i brani di “Sassi” in chiave elettronica, il risultato è l’EP “Maria Antonietta Loves Chewingum” del 2015.
Dopo oltre 100 spettacoli dal vivo in poco più di sette mesi in Italia e un tour europeo, trascorre un anno a scrivere la sua tesi di laurea in Storia dell’arte dedicata alle pratiche sommerse della creatività femminile, poi confeziona un singolo per i “Tre Allegri Ragazzi Morti E invece niente” e tiene una serie di reading dedicati alle sue poetesse del cuore (Dickinson, Plath, Cvetaeva, Campo).

A gennaio 2018 esce il nuovo singolo “Deluderti”, brano più ascoltato nella Viral di Spotify, che anticipa il nuovo omonimo album per La Tempesta Dischi.agnano. A marzo di quest’anno esce, per Rizzoli, Sette ragazze imperdonabili”, il primo libro di Maria Antonietta, un omaggio alle sue sorelle maggiori, con poesie, racconti e collages, costruito come un meraviglioso libro d’ore medievale, che si trasforma in primavera anche in un reading musicale, quello che sarà presentato al festival Hearth.

Dagli

Organizzatori

Redazione Valmisa
Pubblicato Venerdì 12 luglio, 2019 
alle ore 13:40
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!