Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Centro unico di cottura: una favola trecastellana?

Il dissenso di alcune mamme verso un progetto di mensa "industriale". E verso la trasparenza dell'amministrazione

1.896 Letture
commenti
Autospurgo Quattrini - Massima reperibilità - Marotta-Mondolfo
Mensa scolastica, educazione alimentare a scuola, refezione scolastica

C’era una volta a Trecastelli un centro unico di cottura. Potrebbe iniziare così una favola trecastellana visto che questa mensa che stanno per rendere operativa è qualcosa di mistico, surreale quasi faceto.

Tutto è iniziato circa sette mesi fa quando voci di corridoio hanno fatto preoccupare noi genitori: abbiamo chiesto un colloquio al sindaco. Dopo essere stati ricevuti e rassicurati che la storia non aveva nulla di concreto nell’immediato, ecco approdare in consiglio comunale nel giro di pochi giorni una delibera che consente la realizzazione di questo centro unico di cottura. Ma l’amministrazione continua a rassicurare che è solo un atto di indirizzo e che i genitori possono ancora dire la loro.

Quindi dopo un’estate un po’ calda raffreddata da queste facezie, dopo una serie di incontri indottrinanti con noi genitori e con i cittadini, a settembre viene indetto un nuovo consiglio comunale. Dopo aver ascoltato per mesi i nostri dubbi e le nostre proposte, ecco nuovamente approvato il centro unico di cottura così come proposto mesi prima, con una nuova delibera identica a quella di giugno.

Ma la storia ancora non si è conclusa…nuovo capitolo a dicembre. Le opposizioni presentano un ordine del giorno che rimane in giacenza ben più a lungo dei 20 giorni che dovrebbero intercorrere tra la presentazione di una mozione e la convocazione del consiglio, così magari pensavano potesse invecchiare un po’… certe cose stagionate sono più amabili. Bocciata anche questa mozione che voleva tutelare i piccoli cittadini di Trecastelli dalla creazione di un centro unico di cottura “industriale”, che potrebbe, in teoria, sfornare pasti anche per altri comuni o altre strutture diverse dalla scuola.

Il primo cittadino è uscito in questi giorni con un nuovo articolo rassicurante in cui ribadisce che sarà compito della giunta vigilare su quanto farà la ditta appaltatrice, perché fare una clausola così ingessante che lascia poca flessibilità alle esigenze future? Quindi già si immaginano dei cambiamenti… Ma guai parlare di sospetti!
Quindi noi cittadini lasciamo perdere i sospetti e iniziamo a stare tranquilli. Non dobbiamo avere nessun sospetto… Infatti questa amministrazione ha adottato una politica volta alla trasparenza e alla condivisione con i cittadini del proprio percorso amministrativo, tanto da autorizzare senza indugi le riprese del consiglio comunale o semplicemente la sua audioregistrazione. Un’amministrazione a misura di cittadino. Ah, mi correggo, l’amministrazione di Trecastelli non effettua riprese video del consiglio comunale, neanche registrazioni audio. E ha proibito di effettuare riprese ai presenti. Cose troppo avveniristiche per Trecastelli.

Viva la trasparenza. Trecastellani state sereni.
Un gruppo di mamme arrabbiate

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!