Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

“Consiglio comunale in stile farsesco a Ostra Vetere”

L'opposizione attacca: "la maggioranza non è all'altezza di amministrare"

1.024 Letture
commenti
Specchio - Impresa pulizie Senigallia (AN) - Sanificazione ambienti con ozono
Massimo Bello
Dopo sei mesi di silenzio, si è riunito il Consiglio Comunale di Ostra Vetere.
 

Una seduta in stile farsesco, in cui sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza PD hanno dimostrato, per l’ennesima volta, di non essere all’altezza di amministrare il Comune, tanto meno di conoscere i meccanismi dell’Ente e di non leggere neppure i provvedimenti iscritti all’ordine del giorno. Un copione già visto in Consiglio, ma questa volta hanno oltrepassato il limite.”
 
I Consiglieri Massimo Bello e Giuseppina Codias del Gruppo “Fratelli d’Italia-Autonomia-Lega” non usano mezzi termini e mettono sotto accusa gli amministratori di Ostra Vetere, “rei non solo di non conoscere gli atti, ma anche – aggiungono i due esponenti di centrodestra – di non avere rispetto per l’opposizione che, al contrario, legge e studia i provvedimenti all’esame dell’aula, intervenendo nel merito di essi.”
Nella seduta consiliare, che poco dopo le ore 21 si è interrotta perché il Sindaco Pancotti, per motivi di salute, non era in grado di continuare la riunione, erano tredici i punti all’ordine del giorno: oltre al bilancio, l’agenda dei lavori includeva due provvedimenti di urbanistica, l’avvio dell’iter di modifica dello Statuto e di alcuni Regolamenti comunali, l’atto di indirizzo per esternalizzare il servizio mensa e la revoca dall’Unione dei Comuni dei servizi finanziari, personale e tributi.
 
Argomenti importanti e di qualità, che avrebbero dovuto impegnare Consiglio, Giunta e Sindaco in un confronto serrato e senza sosta. “Ma così non è stato – affermano i Consiglieri Massimo Bello e Giuseppina Codias in una nota alla stampa – perché la seduta del Consiglio si è palesata per essere più una ‘farsa dai contorni grotteschi’ che una sessione seria e proficua. L’unico Assessore, a cui è andato il merito di aver tenuto una condotta istituzionale consona ed interessata ai temi in discussione è stato senz’altro Fabio Lenci; per i restanti, non possiamo dire la stessa cosa, se non stendere un velo pietoso e censurare il loro disinteresse, la loro apatia e la loro incapacità amministrativa ed istituzionale ad affrontare, nel merito, iprovvedimenti.”
 
“Sulla manovra economica, ci aspettavamo – dicono i Consiglieri del centrodestra – più serietà da parte della maggioranza, una partecipazione attenta e una preparazione puntuale, soprattutto da parte del sindaco e dell’assessore alle finanze. Invece, abbiamo assistito ad uno spettacolo indecoroso ed esecrabile: non conoscenza della normativa, non conoscenza della materia e di ciascun singolo aspetto dei documenti e dei capitoli del bilancio.”
 
“Non possiamo che esprimere un giudizio negativo non soltanto sulla manovra 2020-2022, ma anche sulla condotta tenuta dai Consiglieri di maggioranza, dal Sindaco e dagli Assessori. Un comportamento, che ha certificato tutta la loro incompetenza a governare il paese, riducendo il Consiglio a mero circolo ricreativo e ludico.
 
“La manovra di bilancio – commenta ancora il Capogruppo Massimo Bello di Fratelli ‘Italia – è risultata incompleta nei dati e nella documentazione; il bilancio è stato meramente ‘tecnico’ e non ha previsto alcuna programmazione; diversi capitoli di bilancio presenterebbero forti dubbi di legittimità e di incoerenza contabile (come quello delle spese legali). Lo stesso Assessore alle Finanze, Luigina Brocanelli, non è stata in grado di illustrare nel merito la manovra, mostrando poca attitudine, poca destrezza e scarsa conoscenza del bilancio comunale; il sindaco, i consiglieri di maggioranza, tra cui anche il capogruppo Paolo Golini, e gli altri Assessori si sono chiusi, invece, in un silenzio assordante, scegliendo di non pronunciare alcuna parola e alcun commento, nel merito della manovra. Sono due anni, comunque, che non proliferano alcunché.”
 
“Ecco la fotografia della seduta di giovedì scorso. Soltanto noi dell’opposizione – conclude il Consigliere Codias – abbiamo interloquito con il dirigente del settore finanze e bilancio per approfondire il provvedimento comunale di programmazione economica, che interessa la comunità di Ostra Vetere. Il Comune è arrivato ad un passo dalla chiusura di fatto e i suoi amministratori hanno dimostrato, ancora una volta, di non avere alcun profilo politico serio e alcuna conoscenza della macchina comunale. Si dimettano per il bene di Ostra Vetere.” 
 
Da
Gruppo consiliare
 
Fratelli d’Italia-Autonomia-Lega
Massimo Bello
Pubblicato Venerdì 3 luglio, 2020 
alle ore 17:52
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!