Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Sperduta tra le campagne tra Ostra e Senigallia c’è la Chiesa di San Bonaventura

E' una costruzione ex-novo e risale al 1906 e attualmente viene officiata saltuariamente

Netservice - Editoria on-line
Chiesa San Bonaventura

Ancora nel territorio di Senigallia, tra le verdeggianti campagne, a ridosso dei confini con Ostra, ma da sempre sotto la giurisdizione parrocchiale di Santa Croce in Ostra, sorge la Chiesa di San Bonaventura.

Il Serafico Dottore San Bonaventura, grande teologo e filosofo italiano del XIII secolo, fu il massimo esponente agosti­niano nel medioevo; fu anche generale dell’ordine dei francescani; cardi­nale e delegato del Papa al Concilio di Lione. Di questo Santo ricordiamo in particolare l’opera mistica “Itinerarium mentis in Deum”.

L’attuale Chiesa è una costruzione ex-novo e risale al 1906, come è attestato in un piccolo quadretto conservato in sacrestia.

“A Dio Ottimo Massimo – Demolita la Chiesa vecchia pericolan­te nel luogo e nelle dimensioni stesse, fu eretta la nuova, anche questa dedicata al Serafico Dottore San Bonaventura, per cura dell’Arciprete Parroco di Santa Croce Don Luigi Benni e col concorso gratuito dei Contadini di queste Contrade.

Appena terminata, la Chiesa fu solennemente benedetta dal Rettore della medesima, Don Francesco Maria Agostinelli, con li­cenza del Vescovo Diocesano Mons. Tito Maria Cucchi, la mattina del 10 giugno 1906 “.

Chiesa di San BonaventuraChiesa di San BonaventuraChiesa di San Bonaventura

Attualmente la Chiesa viene officiata saltuariamente.

Tra i pezzi d’arte ricordiamo, sopra l’altare maggiore, l’imma­gine della Madonna della Misericordia, mentre alle pareti latera­li le statue di San Antonio Abate e San Vincenzo Ferreri, quest’ultima venerata in Santa Croce sino al 1934.

Dell’antico edificio ecclesiale costruito tra la fine Seicento l’inizio del Settecentodalla N.F. Gherardi di Montalboddo rimane in­dubbia memoria nelle visite parrocchiali di alcuni Vescovi: Gio­vanni Domenico Paracciani (1714/1717), Bartolomeo Castelli (1724/1733), Rizzardo Isolani (1734/1742) e Bernardino Honorati (1777/1807). Come nella campana che porta la data del 1822.

Va infine ricordato anche che anticamente questa zona faceva parte delle “Ville Franche”.

Da Giancarlo Barchiesi

Redazione Senigallia Notizie
Pubblicato Lunedì 4 ottobre, 2021 
alle ore 12:31
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!