Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Civitanova Marche sposa i Bitcoin: arrivano un ATM e il progetto Bitcoin Beach

Il comune maceratese è in prima linea per la diffusione del Bitcoin grazie a due iniziative uniche in Italia

1.237 Letture
commenti
Bitcoin

Anche in Italia sono sempre di più le amministrazioni comunali che puntano sulle criptovalute e sulle nuove opportunità che queste possono offrire al territorio. Dopo la città di Rovereto, che per la grande diffusione del Bitcoin è soprannominata la “Crypto Valley italiana”, anche Civitanova Marche si candida ad un ruolo di capofila nel Belpaese. Qui infatti sono stati avvitati ben due progetti distinti che hanno come scopo la promozione delle criptovalute anche per i normali pagamenti quotidiani e per gli acquisti nelle attività del territorio. Si tratta in particolare dell’installazione di un ATM per Bitcoin e di una serie di iniziative che prendono il nome di “Bitcoin Beach”.

Civitanova Marche fa da apripista in Italia

Nel comune maceratese sarà posizionato un ATM per criptovalute: si tratta in pratica uno sportello Bancomat dove sarà possibile prelevare direttamente la celebre moneta virtuale. Così, oltre ad investire in Bitcoin sarà anche possibile utilizzare la criptovaluta per le comuni transazioni quotidiane.

BitcoinO almeno questa è l’idea che sta dietro al progetto del comune, come conferma l’assessore Pierpaolo Borroni: «Civitanova è la prima amministrazione pubblica a fare da intermediaria tra commercianti, liberi professionisti e aziende del territorio. Diamo così la possibilità alle attività produttive di apprendere, grazie ad incontri con professionisti del settore, il mondo del denaro 4.0. Un comparto che va verso il futuro. Sebbene ancora di nicchia, è in continua espansione e ci sono opportunità da sfruttare».

Come funziona il Bitcoin

Il Bitcoin è solo la più famosa delle tante criptovalute che sono nate negli ultimi anni e si sono diffuse parallelamete alla diffusione delle valute tradizionali. Ma di cosa si tratta? Il Bitcoin è una moneta virtuale nata nel 2009 su iniziativa di un anonimo inventore, noto come Satoshi Nakamoto, che viene utilizzata come mezzo di scambio alternativo alle normali monete come Euro e Dollaro. I vantaggi sono il completo anonimato che riesce a garantire, che ne ha immediatamente favorito la diffusione tra coloro che ricercano un elevato livello di privacy.
L’altro grande vantaggio delle criptovalute è il fatto di non essere sottoposte al controllo da parte di una autorità centrale, come avviene per le monete “normali”. Per chi appoggia la filosofia che sta alla base delle criptovalute questo è sinonimo di libertà ed è un aspetto tenuto molto in considerazione. Oltre alla possibilità di essere utilizzato per gli scambi, il Bitcoin si è diffuso come strumento di investimento, infatti il suo valore è aumentato molto soprattutto durante il corso del 2017 e questo ha causato un forte fenomeno di speculazione. Anche il Bitcoin, come tutte le criptovalute, è caratterizzato da una forte volatilità, cioè una elevata variabilità della sua quotazione nel tempo.

Il progetto Bitcoin Beach a Civitanova

A conferma del ruolo guida in Italia del comune di Civitanova Marche nel campo delle criptovalute, c’è anche un altro progetto appoggiato dal comune: si tratta della cosiddetta “Bitcoin Beach”. In pratica una spiaggia dove sarà possibile comprare tutto, dal lettino all’ombrellone, fino al conto del ristorante con la celebre criptovaluta.
L’iniziativa – anche in questo caso la prima in Italia – è frutto di un accordo con l’innovativa start up Bitcoinyou.it, nata proprio a Civitanova, che ha come mission la conoscenza e la diffusione del Bitcoin nell’utilizzo quotidiano. La giovane società (è nata nel 2016) avrà il compito di formare il personale delle attività commerciali e fornire gli strumenti che renderanno effettivo il progetto. I seminari saranno completamente gratuiti e si svolgeranno presso il Municipio, mentre tra i docenti ci saranno relatori esperti del settore. In questo modo i commercianti, i liberi professionisti e le aziende della zona potranno beneficiare di una formazione completa prima di poter iniziare ad adoperare la criptovaluta nelle loro attività commerciali.
Anche nel Belpaese dunque il Bitcoin inizia a diffondersi non solo come forma di investimento, ma anche come forma di scambio, lo scopo per cui è nato. Al momento si tratta di un fenomeno ancora di nicchia, ma in molti ritengono che sia solo il primo passo per una concreta espansione delle criptovalute anche nel nostro Paese.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!