Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Play Sport Corinaldo - Dal 1983 tutto per lo sport. Attrezzature per running ed escursionismo

Serra de’ Conti: arti sceniche, performances, musica e laboratori la fanno da padrone

Sabato 19 agosto l'invasione artistica di NotteNera, il festival sui linguaggi creativi contemporanei

Foto di repertorio di Nottenera, il Festival vetrina dei linguaggi creativi contemporanei, a Serra de' Conti

Sabato 19 agosto, dalle ore 19,30 alle ore 4 del mattino, a Serra de’ Conti, va in scena Nottenera, il Festival vetrina dei linguaggi creativi contemporanei che da 11 anni sorprende che da 11 anni spegne l’illuminazione pubblica e accende la fantasia. Con minuscole lucine ad altezza polpaccio, disseminate tra vie e piazze, a rischiarare gli oltre 30 appuntamenti che animano il borgo medievale.

Dodici spettacoli teatrali per 22 repliche in una sola notte, 10 le installazioni site-specific e le mostre d’arte, 2 i docufilm, 2 le rassegne di corti animati, 4 i concerti musicali, 2 i laboratori, 1 osservazione delle stelle, 1 museo aperto tutta la notte. Questo ed altro è Nottenera, kermesse organizzata dal Comune di Serra De’ Conti e dall’Associazione Nottenera, con la direzione artistica di Sabrina Maggiori, il patrocinio del Consiglio Regionale Assemblea Legislativa delle Marche, e la partecipazione al Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche “La Valle della creatività”. Per il 2017, il fil rouge attorno al quale si articola l’intera proposta artistica è quello della comunità, interpretato da artisti internazionali e giovani talenti per vie e piazze.

Di comunità, di scelte di vita alternative, del loro impatto sul mondo, parla, con grande varietà di forme, l’area di musica e cinema. Coinvolgenti e rivelatori sono i due docufilm proposti in Piazza IV Novembre.
L’alimentazione è al centro di “Food Relovution. Tutto ciò che mangi ha una conseguenza”nuovo lavoro di di Thomas Torelli (ore 21.40): nel documentario si parla di cibo, in particolare dell’industria della carne, in vista della crescente preoccupazione per gli impatti sulla salute, sulla fame nel mondo, sul benessere degli animali e sull’ambiente. Mostra come questi problemi globali riguardino tutti e siano in relazione con le nostre vite singole. Oggi anche solo fare la spesa in maniera consapevole, sapere cosa si compra e cosa si mangia, è il primo importantissimo passo verso un mondo migliore.
Il documentario indipendente “Con i piedi per terra” di Radici nel Cielo (ore 23.30) è una indagine sulle campagne italiane in cui vivono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente.  Sembra una favola sbarazzarsi dei metodi agroindustriali eppure oggi in Italia c’è chi vive questa favola tutti i giorni. Con il ritmo sostenuto dell’avanscoperta, e valorizzato da musiche originali, il documentario racconta attraverso decine di storie personali come fare reddito in maniera sostenibile, onorando il senso di appartenenza al territorio e la cultura dei saperi millenari.

Tradizionale l’incontro con “Nottenera Animata”, una serata dedicata al meglio dell’animazione d’autore italiana e non, a cura di Andrea Martignoni, sound designer e storico del cinema d’animazione: due gli appuntamenti, in Piazza IV Novembre, alle ore 20.50 per i bambini e alle ore 01.45 per i grandi.

Alessandro Fiori. Scatto di Graziano TainoVari e ricchi di suggestioni diverse sono gli eventi musicali. La musica d’autore vede protagonista Alessandro Fiori (FOTO a destra), cantautore e scrittore, ex cantante dei Mariposa che da anni ha intrapreso la carriera solista collaborando con grandi musicisti della scena indipendente italiana; “Gite” è il concerto reading con cui farà vibrare il buio tra gli alberi del Giardino Ca’ Foscolo (ore 01.15), attraverso canzoni e poesie del proprio repertorio, a partire dal leggendario album d’esordio “Attento a me stesso” fino a “Plancton”, pubblicato nei mesi scorsi, passando per letture dalla sua ultima raccolta underground “Gite”.
La spiritualità ed il respiro dell’anima sono al Museo delle Arti Monastiche ne “I canti del silenzio” canti di preghiere partecipati (ingresso da Piazza Gramsci ore 20.45, 22.45 e 00.45), mentre la Scuola di musica della Centenaria Società Concertistica di Serra De’ Conti propone incursioni musicali itineranti per il centro storico (dalle ore 19.45 alle ore 22.30). Si chiude con la grande festa finale di Toffolomuzik in un Dj Set dal titolo “Comunità Digital-Popolare / Worldmuzik” nei Giardini Mariotti Puerini ore 02.30.

Per scienza e laboratori, le proposte sono per ogni età: Tania Bini Designer & Melania Tozzi con “Canapa Cruda”, Enora Giochinlegno in “L’arte del gioco… il gioco dell’arte”, l’AJA Associazione Jesina Astrofili con “Questo arcano universo…”, apertura straordinaria del il Museo delle Arti Monastiche.

Per la sezione arti sceniche, in programma 12 spettacoli per 22 repliche: Maniaci d’amore con “Il nostro amore schifo”, Piccola Compagnia Dammacco con “Esilio”, Teatro Rebis con “Il papà di Dio (studio)”, Giacomo Verde – Aldes con “L’albero della felicità”, Compagnia Soralino con “inbox”, Rita Frongia con “Umanescenza. incontro sull’arte imperfetta della drammaturgia”, Luca Bellezze con “Cortina”, Lagrù / Piero Massimo Macchini con “Fuori porta”, Collettivo Ønar con “78!”, Loredana Bogliun con “Viversi in poesia”, L’abile Teatro con “Mago per svago”, Lucia Palozzi con “Radio Penelope”.

Per le arti visive: Elena Bellantoni con “Parole cunzate” e “Maremoto”,  Gio Pistone con “Stretti-Quando non scegli”, Leonardo Cemak con “Trasporto della Nottenera”, il film TheGifer, Denis Riva con “Reunion”, Marta Palmieri con “Panthalassa + 5 Dischi?”, Brunella Tegas con “Quadritos”, Valerio Giacone con “Synolon”, “Maschere” di Mirko Basaldella.

Tra i tanti eventi in programma, ci sarà inoltre un appuntamento in più con due performers internazionali: Moss Beynon Juckes & Javier Cura, in una performance di teatri fisico e danza dal titolo “Favolatori notturni”. Si tratta di uno studio della durata di circa 40 minuti che si terrà dalle ore 23.45 nei Giardini del Ca’ Foscolo di Serra de’ Conti. “Raccontare storie nelle quali le persone credono è il fondamento di una società più grande – spiegano i due artisti – Con il movimento, le parole, i suoni, la musica ed il teatro, creeremo e ricostruire-mo le nostre storie condivise per dare vita ad una profonda connessione fra noi stessi e tutto ciò che ci circonda, vivente o meno“.

 

INFO: / info@nottenera.it

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni