Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Luca Bonvini - Officina impianti GPL e metano - Senigallia

Con il ponte del Coppetto di Ostra “parte la ricostruzione ‘pesante’ dopo l’alluvione”

Presentato il progetto alla presenza di Acquaroli, Babini e Pellos. Carnevali (Provincia): "Terminati interventi di somma urgenza"

993 Letture
commenti
Presentazione progetto del nuovo ponte "del Coppetto" a Ostra

A un anno dall’emergenza alluvione è stato presentato a Ostra – presso la sede comunale – il progetto del nuovo ponte “del Coppetto” che collega Ostra con Ostra Vetere, sulla strada provinciale 17.

La vecchia infrastruttura era stata gravemente danneggiata il 15 settembre 2022. Verrà sostituita con un nuovo manufatto in acciaio, a campata unica. L’opera ha conosciuto una progettazione rapida, per rispondere alle richieste della popolazione che reclamava il rispristino della normale viabilità compromessa dall’alluvione.

“Siamo a un passaggio fondamentale per tutti i territori, soprattutto quelli più colpiti che, dopo il dramma dell’alluvione, hanno visto un condizionamento della viabilità e della quotidianità – ha affermato il presidente della Regione Francesco Acquaroli, commissario per l’emergenza alluvione – Era necessario correre verso la messa in sicurezza delle comunità e questa è la prima opera importante che viene realizzata, a otto mesi dagli stanziamenti del Governo, avvenuti a dicembre 2022 con la Finanziaria e a cinque mesi dall’arrivo materiale delle risorse”.

Progetto nuovo ponte del CoppettoLa presentazione del progetto è avvenuta alla presenza, oltre che del presidente Acquaroli, del prefetto Darco Pellos, del presidente della Provincia Daniele Carnevali, del sindaco di Ostra Federica Fanesi, degli ingegneri Monica Ulissi (Provincia Ancona), e Luigino Dezi (progettista), del vicecommissario per l’alluvione Stefano Babini (in collegamento).

La progettazione del nuovo ponte, ha ricordato Acquaroli, ha visto “un grande impegno di tutti gli enti coinvolti: la Regione con il vice commissario, la Provincia quale soggetto attuatore, i Comuni che hanno fornito il loro contributo e la struttura tecnica che, con i pareri positivi, hanno dato il via alla realizzazione che porterà al cantiere. Le buone notizie, però, non finiscono qui: saranno realizzate tante altre opere e interventi, in questo territorio, grazie ai 400 milioni stanziati dal governo Meloni, arrivati dopo i 5 milioni stanziati dal governo Draghi nell’emergenza, che hanno delineato un cambio di passo nell’approccio del Governo nazionale per questo genere di accadimenti, e ai 30 milioni stanziati dalla Giunta regionale, utilizzati per le opere di manutenzione e per i contributi per le auto e i furgoni danneggiati. Risorse che iniziano a produrre effetti evidenti e tangibili sulla ricostruzione post alluvione”.

“Oggi presentiamo un’opera importantissima per la nostra Provincia perché avvia l’inizio degli interventi di ricostruzione ‘pesante’, dopo l’alluvione del settembre 2022 – ha evidenziato il presidente della Provincia Daniele CarnevaliSubito dopo l’alluvione ci siamo trovati di fronte a un’emergenza che richiedeva la realizzazione di numerosi interventi nel più breve tempo possibile: per questo ho fortemente voluto che la Provincia agisse come ente attuatore, cosa che ha permesso, in meno di un anno, diciotto interventi sulla viabilità, compromessa da allegamenti, smottamenti, parapetti e cordoli laterali danneggiati che hanno coinvolto i comuni di Arcevia, Barbara, Castelplanio, Corinaldo, Fabriano, Genga, Maiolati Spontini, Montecarotto, Sassoferrato, Senigallia e Serra de’ Conti, senza contare quelli realizzati nel campus scolastico di Senigallia. Archiviati i lavori di somma urgenza, oggi possiamo dedicarci alla fase della ricostruzione ‘pesante’ che prende il via proprio con il ponte del Coppetto. Un’opera innovativa, che tiene conto di portate di piena più cautelative anche rispetto a quanto previsto delle attuali normative. Abbiamo voluto mettere la sicurezza al primo posto. Entro settembre è previsto il progetto esecutivo, per poi procedere all’appalto dei lavori. Tutto il lavoro svolto sinora – aggiunge Carnevali – credo sia stata la dimostrazione dell’importanza dell’Ente Provincia che, in un momento difficile per una parte importante della propria comunità, ha saputo starle vicino e dare risposte concrete alle esigenze del territorio. Mi auguro che il limbo a cui sono state condannate le Province, da una legge sbagliata, cessi prima possibile e si ritorni a dare la dignità che merita a questo importante e fondamentale ente di area vasta, punto di riferimento per tanti piccoli comuni e non solo”.

“È stato realizzato un grande lavoro di squadra e la buona notizia è che i 4 milioni di euro per la costruzione del ponte sono in cassa. Possiamo quindi partire, appena pronto il progetto esecutivo, con le procedure di appalto – ha affermato il vice commissario per l’alluvione Stefano BabiniInoltre va evidenziata la sinergia con il Genio civile per la sistemazione dell’alveo del Misa, allo scopo di garantire un franco idraulico che scongiuri interferenze del ponte con i livelli massimi di piena. Siamo anche in grado di anticipare la demolizione del ponte vecchio per guadagnare altro tempo sulla realizzazione dell’opera definitiva. E sempre in un’ottica di programmazione, è in vista il finanziamento della sistemazione della viabilità danneggiata dopo l’alluvione, perché utilizzata come percorso alternativo a quello interrotto dal ponte. Va sottolineata, infine, l’importanza simbolica del ponte sul territorio, funzionale e anche bello. Visto che in opera di programmazione saranno sostituiti anche altri ponti non danneggiati dalle piene, con nuovi manufatti senza piede in alveo, sarebbe bello riproporre questa ipotesi strutturale per lasciare un segno forte e simbolico della ricostruzione post alluvione in questi territori”.

L’intervento prevede la demolizione del ponte esistente e la realizzazione di un nuovo ponte metallico ad arco a via inferiore, a campata unica di 50 metri di luce, comprendente una carreggiata di 10,50 m e due percorsi tecnici. La scelta di ricostruire ex novo il ponte è stata dettata dall’inagibilità del ponte esistente e dalla necessità di ampliarne la capacità idraulica. La nuova struttura prevede un impalcato di spessore contenuto (1,05 m) e un innalzamento della quota dell’attuale piano viabile che permettono di conseguire un miglioramento della sicurezza stradale e adeguare il nuovo ponte alle massime portate di piena al colmo prevedibili.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!