Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
PesaroUrbinoNotizie.it

Ostra, la vera storia della bambola impiccata

...o quantomeno la versione appurata dal "Pasquino di Ostra"

5.078 Letture
commenti
Ostra: bambola impiccata e minacce sui muri

L’estate 2017 di Ostra, che si sta per concludere, si è contraddistinta sia per il cambio della viabilità all’interno del centro storico che per la storia della bambola impiccata all’interno del cortile di Palazzo Censi-Buffarini.

Due storie parallele in un certo senso legate, o slegate, tra loro tanto da aver fatto scorrere fiumi di inchiostro sulla carta stampata, coinvolgendo anche le edizioni dei giornali nazionali. Migliaia di condivisioni sul web di giovani e meno giovani con posizioni più o meno critiche. Commenti spontanei di cittadini, ma anche articolati con interventi di partito a sostegno del Sindaco di Ostra in una situazione confusa e confusionale per fatti e circostanze che i protagonisti, (alcuni) non hanno ancora voluto spiegare per un imbarazzo in cui gli stessi si sono imprigionati!

Prima di addentrarci in un’analisi più specifica diciamo che Bambola è sinonimo di Bufala!
La presunta scritta intimidatoria sul muro ad angolo all’interno del cortile di Palazzo Censi-Bufarini recita: “State attenti…” nell’altro lato una bambola un “Ciccio Bello” appeso ad un cappio. Poi, il conteggio matematico di 1 + 1 + 1 = 3.

Che nel pensiero parlato è stato così interpretato:
Inversione traffico + scritta minacciosa + bambola impiccata = atto intimidatorio contro il Sindaco!
Risultato: buon gioco per il Sindaco.
Che non ha tardato a divulgare la foto della bambola impiccata sul web con un personale intervento sulla vicenda: “Forse potevate essere più originali, comunque al bambino/a che ci giocava vorrei dirgli che il bambolotto può venire a prenderlo. Adesso è al sicuro. Ma soprattutto perdonateli perché non sanno quello che fanno!”
(N.d.R. Perché scomodare il Santo dei Santi per una semplice vicenda terrena?)

Ma i fatti si sono subito chiariti.

La scritta non era rivolta al Sindaco ma era una questione di rivalità di un “gruppo di giovani”, dicono classe 2002, che si fronteggiavano a vicenda!

La bambola, adagiata abbandonata da giorni all’interno del cortile era stata vista da chi ogni giorno  portava e porta a spasso il suo cane. Alcuni, forse per farla ritrovare l’hanno appesa. Il rivale o i rivali tra i giovani ignari di tutto ciò ha e/o hanno imbrattato il muro ed ecco che: 1 + 1 + 1 = 3.

Ma la vicenda, come si era gonfiata, a fatti spiegati, si è subito sgonfiata.
Ciò che è mancato è che una volta conosciuti i fatti, non si sia provveduto alla rettifica!

Ecco spiegata la storia tutta ostrense della bambola impiccata!

dal “Pasquino di Ostra

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!