Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Strage di Corinaldo: chiesta l’archiviazione per i due minori indagati

Per uno dei due l'accusa era di omicidio preterintenzionale e lesioni perché sospettato di avere usato lo spray al peperoncino

1.078 Letture
commenti
Ge.Co Batterie - Senigallia - Ricaricabatterie multifunzione, avviatori al litio - Controllo gratis
Vista dall'esterno della discoteca Lanterna Azzurra dopo la tragedia di sabato 8 dicembre

La procura minorile delle Marche ha chiesto l’archiviazione per due minori indagati nell’inchiesta sulla strage della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. In quella tragica notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018 persero la vita 5 adolescenti e una mamma di 39 anni, schiacciati nella calca.

Uno dei due è il ragazzo, 17 anni all’epoca dei fatti, era accusato di omicidio preterintenzionale e lesioni perché sospettato di avere usato lo spray al peperoncino, mentre dell’altro minore finora non si era saputo nulla. I due non facevano parte della cosiddetta ‘banda dello spray’ ritenuta responsabile della strage, sei giovani di età tra 19 e 22 anni residenti nel Modenese e arrestati lo scorsa estate.

Il gruppo avrebbe agito usando spray urticante per rubare collane e monili approfittando della confusione. Un modus operandi usato in varie località e in diversi colpi. Nel filone principale dell’inchiesta ci sono anche altri 17 indagati le cui responsabilità sarebbero legate soprattutto alla sicurezza e ai controlli.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!