Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Secondo filone di inchiesta sulla strage alla Lanterna Azzurra di Corinaldo: 19 avvisi

Si tratta delle indagini su condizioni immobile, autorizzazioni e sicurezza. Cooperazione in omicidio colposo tra reati contestati

1.084 Letture
commenti
Discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo

Nella tragica vicenda della strage alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, arriva una notizia sul fronte di un altro filone d’inchiesta, a poche ore dalla chiusura di un capitolo del processo penale, per il quale sono arrivate sentenze da 10 a 12 anni per i sei ragazzi ritenuti colpevoli di omicidio preterintenzionale, lesioni personali ed episodi vari di furti e rapine.

L’avviso di chiusura delle indagini, secondo quanto diffuso dall’Ansa, è arrivato a 18 persone e una società, la Magic srl, tutte coinvolte a vario titolo nell’inchiesta sulle condizioni dell’immobile, sulle autorizzazioni e sulla sicurezza del locale da ballo di Corinaldo, nella cui drammatica calca persero la vita cinque adolescenti e una giovane mamma, nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018.

Tra i destinatari degli avvisi, i proprietari dell’immobile della discoteca, i gestori della Lanterna Azzurra, commissione comunale di vigilanza, con a capo il sindaco di Corinaldo Matteo Principi, due ingegneri, gli addetti alla sicurezza del locale.

I reati contestati vanno dalla cooperazione in omicidio colposo plurimo, alle lesioni a carico di 197 persone, in alcuni casi anche gravi, disastro colposo aggravato. Viene avanzata anche l’ipotesi di falso ideologico in atto pubblico.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!