Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Corinaldo, chiesta la riapertura del ponte del “Burello”

Voce Comune per Corinaldo: "La sua chiusura sta divenendo sempre più causa di disagi alla popolazione e alle imprese"

Ponte del "Burello" a Corinaldo

Riaprire il prima possibile il ponte del “Burello”. Questo l’obiettivo che ha spinto i gruppi consiliari Voce Comune per Corinaldo e Corinaldo Civitas a scrivere una lettera a Comune, Provincia e Regione per sollecitare un intervento di riapertura, anche parziale dell’infrastruttura lungo la strada provinciale n. 17 “Dell’Acquasanta”. Il tema è molto sentito da parte della cittadinanza, non solo corinaldese: la struttura che bypassa il fiume Nevola è infatti un prezioso snodo viario nel collegamento tra Corinaldo e Ostra Vetere e, di qui, con gli altri centri abitati della vallata. La sua chiusura, ormai prolungata dalla notte tra il 15 e il 16 settembre scorsi a seguito dell’alluvione che ha interessato questi territori, sta divenendo sempre più causa di disagi alla popolazione e alle imprese.

Dopo aver raccolto le preoccupazioni e le sollecitazioni di cittadini e lavoratori, i capigruppo in consiglio di Voce Comune per Corinaldo e Corinaldo Civitas, rispettivamente Giorgia Fabri e Raffaele Sebastianelli, hanno chiesto informazioni sulla riapertura al traffico veicolare e pedonale al sindaco di Corinaldo Gianni Aloisi, all’assessore ai lavori pubblici di Corinaldo Luca Olivieri, al presidente della Provincia di Ancona Daniele Carnevali e, per conoscenza, al presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.

«La chiusura prolungata dell’attraversamento del fiume Nevola – si legge nella lettera inviata il 3 novembre – è alquanto preoccupante e riteniamo che, in assenza di particolari ed oggettivi impedimenti tecnico-strutturali, si possa, anche in modalità provvisoria e a senso unico alternato, riaprire il ponte del “Burello”, come già fatto per il ponte di San Domenico, lungo la strada provinciale n. 42 “Ostra – Corinaldo” e per il ponte lungo la strada provinciale n. 11 “Dei Castelli” in località Barbara». Sono oggettivi i disagi per la popolazione, costretta a riversarsi su una viabilità alternativa per poter recarsi nei luoghi di lavoro.

«Ripristinare la viabilità sulla strada provinciale n. 17, unitamente alle strade provinciali nn. 42 e 11, è fondamentale per il territorio» spiegano Fabri e Sebastianelli, «a maggior ragione se non ci sono problemi strutturali, di cui però nessuno ha ancora fatto menzione. La prolungata chiusura continua a provocare anche danni alle attività economiche già alle prese con il generale contesto di difficoltà legata alla crisi internazionale e alle ripercussioni su bollette, carburanti e materie prime». Da qui la richiesta alle autorità comunali, provinciali e regionali perché si attivino per giungere con celerità a una soluzione che possa venire incontro alle necessità della popolazione.

 

da: Voce Comune per Corinaldo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!






Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni