Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Ostra Vetere: l’aumento della TARI sfiora il 7%

"Un servizio che negli ultimi anni non ha mostrato un corrispondente aumento né di efficienza né di qualità"

Ostra Vetere

Il Consiglio Comunale di Ostra Vetere , nell’ultima seduta del 23 marzo scorso , ha approvato le nuove tariffe della tassa rifiuti, la TARI. Patto per Ostra Vetere  ha così preso atto dell’avvenuto ulteriore aumento di questa tassa a fronte di un servizio che negli ultimi anni non ha mostrato un corrispondente aumento né di efficienza né di qualità.

Eppure, per il 2018, i cittadini di Ostra Vetere vedranno aumentare il costo del servizio di una percentuale che sfiora il 7% ! Benché le ultime normative in materia impongano ai Comuni di fare riferimento ai costi standard stabiliti dal legislatore , gli attuali amministratori del Comune di Ostra Vetere hanno dato corso all’aumento “promettendo” di provvedere in futuro ad allinearsi alle prescrizioni di legge ! Intanto, visto che il loro mandato termina a maggio, lasciano questo aumento della TARI come ultimo “dono” ai cittadini.

Analizzando infatti i dati e le cifre degli ultimi tre anni si vede bene che di questi “regali” alla comunità , in fatto di TARI, la giunta Memè è stata più che generosa ( ! ) perché , a fronte di un’inflazione bassissima , il costo della TARI è continuamente cresciuto: nel 2015 ( inflazione pari allo 0% ) il costo del servizio è stato di € 484.497 con una percentuale di raccolta differenziata del 72,74% sul totale di 1.284.677 kg. di rifiuti raccolti; nel 2016 ( inflazione allo 0,1% ) il costo del servizio è stato di € 510.876 ( + 26.379 su 2015 ) con una percentuale di raccolta differenziata del 71,76% sul totale di 1.354.085 kg. di rifiuti raccolti; nel 2017 ( inflazione all’ 1,1% ) il costo del servizio è stato di € 548.478 ( + 37.601 )con una differenziata del 68,20% sul totale di 1.270.772 kg. di rifiuti raccolti ( – 83.313 kg rispetto al 2016 ). Ci si chiede come mai per esempio , a fronte di una diminuzione del totale dei rifiuti raccolti e di una diminuzione della raccolta differenziata , vi sia stato un aumento dei costi generali di gestione da € 18.605 del 2015 a € 50.224 del 2017 o come mai nel 2015 i costi di lavaggio e spazzamento strade ammontassero a € 57.700 mentre nel 2017 sono scesi a € 48.800 o ,ancora, come mai nel 2015 il costo per la raccolta differenziata ( 72,74%) fu di € 140.420 mentre nel 2017 il costo per la differenziata (scesa al 68,20%) è stato di € 158.917. Ma i nostri amministratori se le saranno poste queste domande o , secondo loro , anche i numeri ricadono nel perimetro dei “ misteri della fede” ?

verso uno degli ultimi atti della giunta Memè arrivato a coronamento di cinque anni di governo condotti all’insegna dell’ approssimazione , dell’irrilevanza politica e del succube appiattimento a decisioni prese da altri ( PD su Unione della Marca Senone) non possiamo che augurarci un netto e sostanziale cambiamento politico che sappia delineare un progetto di vera rinascita per Ostra Vetere .

Redazione Valmisa
Pubblicato Domenica 1 aprile, 2018 
alle ore 12:23
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!