Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Corinaldo: Codacons si costituisce parte offesa su quanto successo alla Lanterna

Il presidente Rienzi: "incriminare chi ha collocato uscita di sicurezza su un ponticello"

3.002 Letture
commenti
Santoli Service - Servizi edili ed elettrici - Marzocca di Senigallia
Carlo Rienzi

Il Codacons ha presentato lunedì 10 dicembre formale costituzione di parte offesa nell’inchiesta aperta dalla Procura di Ancona sulla strage di Corinaldo, e una istanza d’accesso ai Vigili del Fuoco e alla Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo per ottenere gli atti relativi alle autorizzazioni concesse alla discoteca “Lanterna Azzurra”.


“Il problema del numero dei biglietti venduti in eccesso rispetto alla capienza del locale è del tutto marginale – spiega il presidente Carlo Rienzi – Anche se ci fosse stata la metà di pubblico all’interno della discoteca, è di tutta evidenza che il ponticello teatro della tragedia non avrebbe potuto reggere un peso eccessivo e sarebbe crollato in ogni caso.

Per questo chiediamo oggi alla Procura di Ancona di incriminare i soggetti che hanno ritenuto idoneo collocare l’uscita di emergenza sul ponte, e procedere nei loro confronti per il dolo eventuale”.

Proprio sui permessi concessi al locale il Codacons presenta una istanza d’accesso, finalizzata ad ottenere tutti i documenti relativi alle autorizzazioni concesse da Vigili del Fuoco e Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo alla discoteca “Lanterna Azzurra” di Corinaldo.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!