Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Porta Braschi - Cucina e Pizza con forno a legna - Senigallia - Tavoli all\'aperto, servizio asporto

“Per un budello torto!”

Massimo Bellucci racconta da Corinaldo le proprie esperienze a contatto con la sanità locale

1.050 Letture
commenti
Sanità, salute

Di seguito un articolo che avevo inviato alla redazione di Informattiva Corinaldo, giornalino dell’amministrazione comunale corinaldese, ma che – mi è stato comunicato – non verrà pubblicato.

Racconterò alcuni fatti sulla sanità locale che ho vissuto negli ultimi anni assistendo i miei genitori malati. Ma prima un aneddoto; nei racconti degli anziani, una frase, tra le tante, mi è rimasta impressa: “Poretto, è morto, gli si è torto il budello!”

Forse era una banale appendicite non curata, in tempi in cui non esisteva ancora il servizio sanitario nazionale.

Veniamo alla mia esperienza. Alcuni ambulatori medici a Corinaldo sono stipati in un corridoio angusto, dove i pazienti, spesso anziani, stanno ammassati per ore aspettando il proprio turno, con orari a mio parere risicati, spesso non rispettati. Al telefono sovente non risponde nessuno. Dopo numerose chiamate risponde la segretaria che ascolta il problema e dice che riferirà al medico. Come risposta a volte arrivano alcune righe di mail, altre volte il medico richiama in serata, o dopo diversi giorni; nel frattempo (è capitato) il familiare viene ricoverato in ospedale senza un preventivo consulto. E comunque la chiamata è sempre da un numero nascosto, così se per qualsiasi motivo non posso rispondere (ad es. sto guidando), non è possibile richiamare. Inoltre: visite domiciliari rarissime negli anni. A volte ho dovuto ad aspettare le otto di sera, quando scatta la guardia medica, per avere una visita.

Il medico dell’ospedale rimbalza le responsabilità al medico di famiglia: “deve venire a casa il suo medico a visitare il paziente!” E il medico di famiglia: “dovevano tenerlo in ospedale!” Alla fine l’anziano non è adeguatamente curato né dall’uno né dall’altro.

Far venire un infermiere a casa per fare una iniezione è possibile, ma è un’impresa: ritirare l’impegnativa dal dottore (fila), poi portarla agli infermieri (se sono già usciti ritornare); gli infermieri a volte riscontrano imprecisioni, quindi rimandano indietro la prescrizione al familiare del paziente per farla correggere (ancora fila) e la si rimanda di nuovo. Ore ed ore.

Parecchie volte sono partito da casa e fatto chilometri semplicemente per andare a prendere un foglio nell’ambulatorio medico e portarlo ad una infermiera o ad una segretaria, che è dall’altra parte della strada. Qualcuno dirà: manda una mail! Impossibile: il medico di famiglia manda al paziente via mail ad es. la richiesta di prelievo a domicilio, ma gli infermieri di Corinaldo non hanno un indirizzo mail, quindi bisogna stampare l’impegnativa e portarla a mano, nell’orario di apertura che è mattutino, non proprio comodo per chi lavora.

Un enorme spreco di tempo che si avrebbe il diritto di passare insieme ai genitori anziani, nell’ultimo scorcio della loro vita. Mi è stato detto: hai ragione, ma non conviene esporsi.

Ma io non intendo sindacare la professionalità dei vari operatori, che rispetto, anzi, ho avuto modo di conoscere medici, infermieri e operatori sociosanitari competenti, che ho ringraziato di persona. Ma mi sembra evidente che ci sia un problema organizzativo (e politico).

La mia esperienza è stata un po’ questa, ma potrei dire molte altre cose, anche sui vari ospedali (Senigallia, Ancona), visite specialistiche, richieste di sussidi ecc.

Eppure il servizio sanitario nazionale è stato una grande conquista: perché non viene valorizzato?
Vogliamo tornare ai tempi in cui si moriva per un budello torto?

Massimo Bellucci.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!