Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

“Da Firenze ad Assisi con Gino Bartali” a Corinaldo

Paolo Mirti, autore del racconto, incontra allievi e docenti della scuola media “Guido degli Sforza”

BCC Ostra e Morro d\'Alba - Albanostra - Assistenza spese sanitarie
"Da Firenze ad Assisi con Gino Bartali" a Corinaldo

Sabato 26 gennaio alle ore 11:30, Paolo Mirti, autore del racconto teatrale “Nuvole- da Firenze ad Assisi con la libertà nascosta nella biciletta di Gino Bartali”, incontrerà gli allievi e docenti della scuola media di CorinaldoGuido degli Sforza”. Lo stesso racconto verrà poi messo in scena il 26 aprile 2019 al Teatro Goldoni corinaldese (ingresso gratuito), racconto interpretato da Stefano Venarucci con commento musicale di Giuseppe Barbaro.

Una mattinata in cui verrà ricordato il Giorno della Memoria, una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto: in quel giorno del 1945 le truppe dell’ Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Una pièce teatrale in cui l’autore vuole “ricordare quella pagina straordinaria della nostra storia recente” che ha come protagonista il grande ciclista toscano; sembra infatti che Gino Bartali nascondesse nella canna della bicicletta documenti d’identità falsi destinati agli ebrei e ai rifugiati politici arrivati nella nostra terra, salvandoli così dalla deportazione nazista.

La vicenda di Gino Bartali e del ruolo da lui avuto per la salvezza dei rifugiati ebrei tra l’Umbria e la Toscana è una bellissima e poco nota pagina della recente storia d’Italia– la riflessione dell’autore Mirti- “Nuvole” racconta questa storia consegnando un’immagine inusuale di un campione dello sport: non un personaggio concentrato esclusivamente su sé stesso, ma un uomo che si prende cura degli altri affrontando i rischi con coraggio e senso di responsabilità.”

In particolare l’opera si sofferma sul ruolo avuto da Gino Bartali per la salvezza degli ebrei nascosti ad Assisi. “Il bene si fa ma non si dice”, così Gino Bartali disse al figlio Andrea quando gli raccontò del suo impegno a favore degli ebrei, facendosi promettere che non ne avrebbe mai parlato a nessuno. Negli ultimi tempi dopo anni di pudore e di silenzi, è venuto fuori con chiarezza il ruolo avuto da Gino Bartali in questa storia, come corriere segreto dell’organizzazione clandestina che faceva capo ai Vescovi di Assisi e di Firenze ed alla quale partecipavano persone delle più diverse idee politiche e convinzioni religiose.

Fare memoria”. Ci sono storie del nostro passato che ci mettono a nudo di fronte al concetto di umanità, spesso sono ricordi negativi, di cui non vorremmo restasse alcuna traccia come nel caso della Shoa, accadimenti che sono insieme memoria e monito- le parole dell’assessore alla Cultura, Giorgia Fabri- La storia è viva se ci parla ogni giorno e all’oggi dobbiamo affidare un compito preciso “Non dimenticare per non ripetere”. Per farlo è necessario partire da chi si è opposto a ogni genere di discriminazione. Eroi quotidiani, spesso nascosti nel loro silenzio. Ecco perché la storia di Bartali, oltre ad essere una storia intrisa di successi sportivi è prima di tutto una storia di umanità; essa deve parlare a noi tutti e va raccontata ai ragazzi perché i valori devono essere insegnati, condivisi e replicati.”

Redazione Valmisa
Pubblicato Venerdì 25 gennaio, 2019 
alle ore 5:43
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!