Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Lavori fermi al cimitero di Castelleone, nuova interrogazione di ‘Paese Verde’

Nonostante l'atto del Comune, i nuovi loculi sono ben lontani dall'essere completati

1.686 Letture
commenti
Netservice - Editoria on-line
Il panorama di Castelleone di Suasa

Il 5 settembre 2016 i consiglieri Domenico Guerra, Fabrizio Franceschetti e Valentina Galli (lista civica Paese Verde) hanno rivolto un’interrogazione al sindaco di Castelleone di Suasa circa lo stato dei lavori relativi alla costruzione dei nuovi loculi presso il cimitero cittadino.

I lavori – che la ditta aggiudicatrice dell’opera ha preso in consegna e iniziato il 9 maggio 2016 – dovevano essere terminati il 5 settembre 2016. Poco dopo c’è stata un’interruzione e da allora il cantiere appare abbandonato: lo stato dell’opera è fermo ai giorni iniziali.

Il 16 settembre l’amministrazione comunale ha risposto attraverso l’ufficio tecnico unificato dell’Unione dei comuni Misa e Nevola: ha giustificato il blocco dei lavori e il conseguente ritardo, dicendo che la ditta ha chiesto di modificare il progetto approvato dalla Giunta municipale sostituendo i loculi gettati in loco con quelli prefabbricati (il Comune ha avallato la richiesta solo verbalmente), che tale intervento necessita di un periodo di “maturazione” della gettata di almeno 28 giorni e dal periodo delle ferie estive.
L’ufficio tecnico preposto ha inoltre emanato un ordine di servizio alla ditta esecutrice dell’opera il 30 agosto 2016 per la ripresa dei lavori, ma allo stato attuale la situazione è rimasta invariata.

Come mai – si chiedono i tre consiglieri – la ditta ha chiesto la mdifica del progetto e quali vantaggi e benefici ne ha tratto l’Amministrazione comunale? Per quale motivo è stato modificato un progetto in corso d’opera approvato dalla Giunta comunale solo in modo verbale e non è stata redatta, alla data del 16 settembre 2016, una variante al progetto? A chi competono i costi degli onorari relativi alla redazione della variante al progetto? Come mai nonostante un ordine di servizio redatto il 30 agosto 2016 per sollecitare la ripresa dei lavori ed il loro completamento, allo stato attuale è tutto ancora fermo e i mezzi di cantiere che sostavano all’interno dell’area per l’esecuzione dei lavori sono stati rimossi?

A nostro parere – concludono – la risposta che il Comune ci ha inviato il 16 settembre 2016 appare debole e insufficiente, non rende chiara una situazione confusa e lontana dal definirsi. Crediamo che sia necessaria e legittima una spiegazione ai cittadini e per questo motivo abbiamo presentato una nuova interrogazione, con la speranza di avere risposte serie e convincenti“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!