Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa
Hotel Corallo Senigallia - La tua vacanza al mare sulla Spiaggia di Velluto, per stare bene insieme

Interrogazione al Sindaco di Castelleone di Suasa sulla condizione dei pini comunali

La richiesta è stata presentata dai Consiglieri comunali Guerra, Biagetti e Franceschetti

Il Comune di Castelleone di Suasa

I pini presenti in via Repubblica e via Kennedy rappresentano un patrimonio storico, oramai centenario, della nostra tradizione culturale e ambientale che per intere generazioni ne hanno caratterizzato la bellezza e l’importanza.

Da diversi anni queste piante, che a norma del Piano Regolatore Generale vanno tutelate e mantenute dal Comune, hanno cominciato a costituire una serie di problemi, legati alla vecchiaia, per la sicurezza e l’incolumità pubblica tanto che alcuni, sia di proprietà pubblica che privata, sono stati abbattuti dopo che ne è stata accertata la pericolosità anche con il supporto e la valutazione di esperti in materia ambientale e forestale, mentre altri sono caduti a causa delle intemperie, senza fortunatamente causare danni alle persone.

Recentemente il Sindaco ha emesso un’ordinanza, la numero 2 del 10 marzo 2021, con la quale ha fatto abbattere due pini presenti in Via Repubblica, dopo che il personale preposto del Comune ne ha accertato la pericolosità. Considerato che lo stato di salute dei pini continuerà a rappresentare sempre di più motivi di preoccupazione sia per l’Amministrazione comunale che per i singoli cittadini, abbiamo ritenuto opportuno presentare in questi giorni, un’interrogazione a risposta scritta che di seguito pubblichiamo.

Al Sindaco di Castelleone di Suasa

Oggetto: Interrogazione a risposta scritta.

I sottoscritti Consiglieri comunali Domenico Guerra, Giovanni Biagetti e Fabrizio Franceschetti, rivolgono alla S.V. la seguente interrogazione:

Vista l’ordinanza n. 2 del 10 marzo 2021 con la quale sono stati abbattuti due pini d’Aleppo in viale della Repubblica, ritenuti pericolosi dal personale preposto del Comune nelle attività di controllo e verifica delle strade Provinciali e Comunali;

Considerato che la situazione dei pini presenti in viale della Repubblica e in via Kennedy presentano per lo più le stesse situazioni di criticità e forte pendenza, tali da creare preoccupazione tra i proprietari delle aree dove insistono i suddetti Pini;

Tenuto che l’art. 34 delle Norme Tecniche d’Attuazione allegate al Piano Regolatore Generale che stabilisce “Le alberature, costituite da Pini d’Aleppo, ormai consolidate a livello paesistico-ambientale, ricadenti all’interno delle proprietà private, esistenti in via J. F. Kennedy e in viale della Repubblica, vanno tutelate e saranno mantenute a cura e spese dell’Amministrazione comunale”.

Chiedo:

1. Se l’Amministrazione comunale ha monitorato o sta monitorando lo stato di salute e sicurezza di tutti i pini presenti in viale della Repubblica e di via Kennedy;

2. Quanti e quali pini risultano, dai monitoraggi del personale addetto, in precarie condizioni da prevederne l’eventuale abbattimento e quanti e quali invece si ritiene possano essere mantenuti garantendo la sicurezza e l’incolumità della popolazione;

3. Se, nel caso di piante poste in area privata, vi sono responsabilità dei proprietari in caso di danni causati da dette piante;

4. Se il personale preposto del comune ha competenze tecnico-professionali sia per il monitoraggio che per la valutazione del mantenimento e dell’eventuale abbattimento delle piante;

5. Se le piante abbattute verranno rimpiazzate con altre messa a dimora in appositi spazi, sia pubblici che privati;

6. Che alla presente interrogazione venga data risposta ai sensi dell’art. 18 comma 1 bis dello Statuto comunale.

Da Consiglieri comunali Domenico Guerra, Giovanni Biagetti e Fabrizio Franceschetti 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni