Valmisa
Versione ottimizzata per la stampa

Dopo l’afa arriva la grandine: danni nell’entroterra senigalliese

Coldiretti Ancona avverte: "Fondamentali le assicurazioni, ma appena il 13,5% della superficie agricola è coperto"

1.631 Letture
commenti
Grandine caduta nell'entroterra di Senigallia

E dopo la grande siccità arriva la temuta grandine ma solo il 6% delle aziende agricole è coperto da un’assicurazione che ripara da questi eventi purtroppo non più straordinari.

Nella giornata di lunedì 30 maggio, i danni si sono registrati su strutture e coltivazioni soprattutto nell’entroterra di Senigallia tra Castelleone di Sausa, Corinaldo, Trecastelli, Ostra, Morro d’Alba e Chiaravalle.

Decine di ettari colpiti con le colture in atto e danni a vigne, grano e ortaggi. Fenomeni climatici violenti che sono ormai una consuetudine e che per gli agricoltori coincidono con una perdita economica. Per questo diventano fondamentali le polizze assicurative in parte finanziate da importante contributo della Pac.

Grandine caduta nell'entroterra di SenigalliaPoche tuttavia ne approfittano. Appena il 13,5% della superficie agricola è coperto. La maggior parte di esse proteggono la produzione vitivinicola: ben 620 aziende. Al secondo posto ci sono le polizze sul grano duro (385), girasole (148) e piselli (109). Numeri raddoppiati rispetto allo scorso anno ma è ancora troppo poco. Nel corso del 2021 secondo i dati ESWD nelle Marche si è registrata una media mensile di 1,5 eventi meteo distruttivi.

“Dobbiamo promuovere il più possibile e spingere per agevolare sempre di più l’attivazione di coperture assicurative, uno strumento ormai purtroppo indispensabile per le aziende agricole” commenta Alberto Frau, direttore di Coldiretti Marche.

da Coldiretti

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Valmisa.com e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!